News
Via Libera alle Cure all'Estero
Approvato il decreto che prevede rimborsi per le cure in ospedali europei
02/03/2014
Il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto che consente ai pazienti europei di muoversi liberamente scegliendo un ospedale all'interno dei confini UE ottenendo i relativi rimborsi. La libertà di scelta non è totale poiché vi sono limiti sia in entrata che in uscita per particolari cure e per esigenze di budget, tuttavia, il decreto amplia la...Leggi tutto
L'uomo senza Memoria
Riprodotto il cervello del paziente H.M., uno dei pilastri delle neuroscienze
Il paziente H.M., all'anagrafe Henry Gustav Molaison, è stato uno dei casi che hanno fatto scuola ne...Leggi tutto
Giornata del Farmaco
Sabato 8 Febbraio è la Giornata del Farmaco
Ogni anno nel secondo sabato di febbraio si festeggia la Giornata del Farmaco, un appuntamento giunt...Leggi tutto
La Musica di Mozart e l'Epilessia
Ascoltare Mozart può aiutare i pazienti epilettici
Si discute da tempo sull'Effetto Mozart, ovvero sull'utilità di brani composti dal maestro austriaco...Leggi tutto
Le radiazioni contro l'epilessia
Allo studio una cura basata sulle radizioni per sconfiggere l'epilessia
Gli studi e le ricerche sulle cure per l'epilessia potrebbero arricchirsi di nuove risorse, fra le q...Leggi tutto
Curiosità
Personaggi celebri affetti da epilessia - 31/03/2014
Grandi personaggi storici epilettici

Moltissimi personaggi celebri, artisti, premi Nobel, scrittori e condottieri sono stati affetti d...Leggi tutto

Cos'è l'epilessia

Descrizione e classificazione

 

L'epilessia è una sindrome neurologica con crisi improvvise.

Il termine epilessia deriva dal greco "epilepsis", che significa attacco  ( il verbo è epilambanein "essere sopraffatti, essere colti di sorpresa") e sta ad indicare una modalità di reazione del Sistema Nervoso Centrale a diversi stimoli.  

Generalmente l'epilessia  è caratterizzata da convulsioni e perdita di coscienza. Le crisi epilettiche sono provocate da un'iperattività delle cellule nervose cerebrali (i neuroni), evidenziabile con l'elettroencefalogramma, seguita da un periodo di completa inattività. Paradossalmente si verifica infatti un'eccessiva attività funzionale del sistema nervoso per cui, alcuni o tutti i neuroni della corteccia cerebrale, incominciano ad attivarsi ad un ritmo molto superiore al normale, producendo una scarica.

L'epilessia colpisce fra lo 0.6 e l' 1% della popolazione ( si stima che in Italia siano fra 350.00 e 500.00 le persone affette da epilessia) e può manifestarsi ad ogni età ed in forme assai diverse; data la sua varietà, si parla genericamente di epilessie ed è quindi importante, nel classificarle, tenere conto della loro causa e distinguere quelle sintomatiche, che si manifestano cioè nel corso di altri stati morbosi, dall'epilessia idiopatica, di cui non si conosce l'origine. In un buon numero di casi non si riesce a trovare la causa dell'epilessia che viene pertanto definita criptogenica.

 

Le epilessie si classificano in :

A) Crisi a inizio focale

B) Crisi generalizzate fin dall'inizio

 

Le crisi a inizio focale possono avere origine dalla corteccia sensoriale, come l'epilessia psicomotoria provocata da lesioni del lobo temporale. Essa è generalmente preceduta da una specie di premonizione dell'attacco imminente, la cosiddetta "aura" epilettica, che provoca sensazioni peculiari quali una pressione allo stomaco che sale verso la gola, lampi di luce, rumori, formicolii ad una parte del corpo, gusti e/o odori strani, improvvisi stati d'animo di angoscia o euforia, l'impressione di vivere in un sogno  con fenomeni di "Déjà vu", lasciando al paziente una coscienza che gli permette di compiere attività anche complesse, sebbene automatiche , come masticare, inghiottire, parlare, toccare  e spostare oggetti. 

Altre forme focali, cioè localizzate in un punto preciso, hanno invece origine dalla corteccia motoria e danno luogo a convulsioni localizzate, che possono rimanere tali anche per parecchio tempo, addirittura settimane e mesi (epilepsia partialis continua), oppure possono generalizzarsi a tutto il corpo, accompagnandosi allora a perdite di coscienza di breve durata ( convulsione generalizzata a inizio focale).

Tra le forme focali si può avere anche una crisi epilettica parziale, senza perdita di coscienza. Nella forma caratterizzata da sintomatologia motoria si hanno contrazioni che iniziano in un'area qualsiasi del corpo e si estendono progressivamente ai muscoli vicini seguendo la distribuzione caratteristica dell'area motoria inducendo la cosiddetta "marcia jacksoniana" in cui si hanno contrazioni di tipo mioclonico che, partendo dalla spalla, si estendono al braccio, poi all'avambraccio ed infine alla mano, interessando quindi tutta la metà del corpo, ma non generalizzandosi. Se invece la sintomatologia è somato-sensoriale, si manifestano parestesie nell'emicorpo controlaterale alla scarica che, originate in un punto del corpo, tendono poi a diffondersi.

Non ha inizio focale il grande male, caratterizzato da convulsioni generalizzate immediatamente precedute da un grido ed accompagnate da improvvisa perdita di coscienza, che provoca la caduta a terra del paziente. Alla convulsione segue il coma detto "postcritico", che dura da  parecchi minuti fino anche alla  mezz'ora ed è seguito da confusione, sopore e cefalea.

Le crisi generalizzate fin dall'inizio non presentano invece convulsioni, ma solo perdita di coscienza che dura pochi secondi. Viene definita, per distinguerla dalla precedente, piccolo male o assenza ed è maggiormente frequente tra i quattro anni e l'adolescenza. Non ha segni premonitori e spesso non viene avvertita né dal paziente né da chi gli è vicino.

L'epilessia è anche accompagnata da attacchi di convulsioni, ovvero contrazioni che si alternano a rilassamenti a livello dei muscoli, con grande rapidità ed in modo involontario. Le convulsioni non sarebbero di per sè pericolose per la persona sofferente d'epilessia, pur tuttavia durante un attacco si potrebbero verificare effetti deleteri per l'incolumità dell'individuo in questione.

La persona in preda alle convulsioni perde, infatti, il controllo di sè e di conseguenza il rischio che resti ferita non va mai sottovalutato. Coloro che stanno vicino ad un soggetto che soffre di epilessia dovrebbero pertanto sapere come comportarsi quando si presenta un attacco convulsivo, in modo da muoversi prontamente ed in maniera adeguata.

La prima cosa da fare è agire per mettere in sicurezza la persona in preda alle convulsioni, impedendole di farsi del male urtando contro oggetti o ferendosi, ricordando però di non bloccarle le gambe. Bisognerebbe quindi aiutare la persona a stendersi in posizione supina, con la testa da un lato e renderla libera dalle costrizioni rappresentate da vestiti ed accessori stretti che vanno allentati. Durante un attacco di convulsioni è opportuno chiamare prontamente i soccorsi per farsi aiutare nel gestire la crisi.

Offerte Hotel